Nutrizione

Il fruttosio fa male?

Il fruttosio fa male? Il fruttosio, uno zucchero che si trova naturalmente in molti frutti ed è l’ingrediente principale di un dolcificante comunemente usato.

Ma i consumatori spesso si chiedono: il fruttosio fa male? 

In effetti il fruttosio può essere responsabile di flatulenza, gonfiore, dolore e altri sintomi gastrointestinali spesso apparentemente “inspiegabili”.

Un nuovo studio, pubblicato nel numero di giugno dell’American Journal of Gastroenterology, suggerisce che l’intolleranza al fruttosio è una causa comune ma non riconosciuta di problemi digestivi in ​​alcune persone. 

E più fruttosio consumano, affermano i ricercatori, maggiore è la probabilità che abbiano problemi.

Il fruttosio: conosciamolo meglio.

Il fruttosio fa male? La verità sorprendente

Insieme al glucosio, il fruttosio è uno dei due componenti principali dello zucchero aggiunto.

Alcuni esperti di salute ritengono che il fruttosio sia il peggiore dei due, almeno se consumato in eccesso.

Queste preoccupazioni sono sostenute dalla scienza? Questo articolo esamina le prove.

Il fruttosio da cosa deriva?

Il fruttosio è un tipo di zucchero semplice che costituisce il 50% dello zucchero da tavola (saccarosio).

Lo zucchero da tavola è anche composto da glucosio, che è la principale fonte di energia per le cellule del tuo corpo.

Tuttavia, il fruttosio deve essere convertito in glucosio dal fegato prima di poter essere utilizzato dall’organismo.

Si trova anche in vari dolcificanti zuccherati come lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio e lo sciroppo di agave. 

Se un prodotto elenca lo zucchero aggiunto come uno dei suoi ingredienti principali, puoi essere abbastanza sicuro che sia ricco di fruttosio.

Prima della produzione in serie di zucchero raffinato, gli umani raramente lo consumavano in grandi quantità. 

Alcuni frutti e verdure dolci contengono fruttosio, ma lo forniscono in quantità relativamente basse.

Alcune persone non assorbono tutto il fruttosio che mangiano. 

Questa condizione è nota come malassorbimento di fruttosio, che è caratterizzato da gas eccessivo e disagio digestivo.

Nei soggetti con malassorbimento di fruttosio, questo zucchero funge da carboidrato fermentabile ed è classificato come FODMAP.

Ma il fruttosio va bene per chi ha diabete?

A differenza del glucosio, il fruttosio provoca un basso aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Pertanto, alcuni operatori sanitari raccomandano il fruttosio come dolcificante “sicuro” per le persone con diabete di tipo 2.

Tuttavia, altri esperti dichiarano che l’assunzione eccessiva di fruttosio possa contribuire a diversi disturbi metabolici. 

Il fruttosio è un tipo di zucchero che costituisce circa il 50% di zucchero da tavola e sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio. Gli scienziati temono che un’assunzione eccessiva possa causare disturbi metabolici.

Il fruttosio (cioè il glucosio isomerizzato) si presenta naturalmente come componente del frutto intero. 

Metabolizzata come parte di un alimento completo, la fibra di accompagnamento rallenta e modula il rilascio di fruttosio. 

Tuttavia, in molte bevande e alimenti fabbricati, il fruttosio raffinato (senza fibre) viene utilizzato come dolcificante primario. 

Il fruttosio non è regolato dall’insulina, quindi viene facilmente trasportato nelle cellule del corpo. Una volta all’interno delle cellule, il fruttosio viene rapidamente riconvertito in glucosio, compromettendo i recettori dell’insulina e contribuendo alla resistenza all’insulina. 

Questo inganno metabolico ha spesso conseguenze negative e sebbene alimenti ad alto contenuto di fruttosio come agave e concentrati di frutta non siano considerati alimenti “ad alto indice glicemico”, alla fine contribuiscono al carico glicemico sul corpo.

Fa male il fruttosio?Perché il fruttosio fa male?

Il glucosio e il fruttosio sono metabolizzati in modo molto diverso dall’organismo.

Mentre ogni cellula del corpo può usare il glucosio, il fegato è l’unico organo in grado di metabolizzare il fruttosio in quantità significative.

Quando si segue una dieta ricca di calorie e ricca di fruttosio, il fegato si sovraccarica e inizia a trasformare il fruttosio in grasso.

Molti scienziati ritengono che il consumo eccessivo di fruttosio possa essere un fattore chiave di molte delle malattie più gravi di oggi. 

Questi includono obesità, diabete di tipo II, malattie cardiache e persino cancro.

Molti operatori sanitari hanno affermato che un’eccessiva assunzione di fruttosio è una delle principali cause di disturbi metabolici.

Gli effetti dannosi del fruttosio in eccesso

Mentre il fruttosio eccessivo è senza dubbio malsano, i suoi effetti sulla salute sono controversi.

Ciò nonostante, esiste una notevole quantità di prove che giustificano le preoccupazioni.

Mangiare molto fruttosio sotto forma di zuccheri aggiunti può:

  • Ridurre la composizione dei lipidi nel sangue. Il fruttosio può aumentare i livelli di colesterolo VLDL, portando ad un accumulo di grasso attorno agli organi e potenzialmente a malattie cardiache.
  • Aumentare i livelli ematici di acido urico, portando a gotta e ipertensione.
  • Provocare la deposizione di grasso nel fegato, portando potenzialmente a malattia del fegato grasso non alcolica (8, 9 Fonte attendibile).
  • Causare insulino-resistenza, che può portare all’obesità e al diabete di tipo II).

Il fruttosio non sopprime la sensazione di fame tanto quanto il glucosio. 

Di conseguenza, potrebbe favorire l’eccesso di cibo.

Un consumo eccessivo di fruttosio può causare resistenza alla leptina, disturbare la regolazione del grasso corporeo e contribuire all’obesità.

Si noti che non tutto ciò è stato dimostrato al di là di ogni dubbio in studi controllati. 

Tuttavia, le prove sono ancora lì e ulteriori studi dipingeranno un quadro più chiaro nei prossimi anni e decenni.

Fruttosio come utilizzarlo

Il fruttosio dagli zuccheri aggiunti fa male, la frutta no.

È importante rendersi conto che tutto ciò non si applica al frutto intero.

I frutti non sono solo sacche acquose di fruttosio, sono veri e propri alimenti con una bassa densità calorica e molta fibra.

Dovresti davvero esagerare mangiandone grandi quantità per raggiungere livelli dannosi di fruttosio. 

In generale, la frutta è una fonte minore di fruttosio nella dieta rispetto agli zuccheri aggiunti.

Gli effetti dannosi del fruttosio si applicano a una dieta occidentale che fornisce calorie in eccesso e zuccheri aggiunti. 

Non si applica agli zuccheri naturali presenti nella frutta e nella verdura.

Personal Trainer Roma

Related posts

  • I Sali minerali

    Alcuni minerali vengono anche usati per produrre ormoni o mantenere un normale battito del cuore.

Aggiungi indirizzo