Benessere

Radicali liberi: cosa sono ed il loro ruolo biologico

Radicali liberi: cosa sono ed il loro ruolo biologico. I radicali liberi e altri ossidanti hanno acquisito importanza nel campo della biologia a causa del loro ruolo centrale in varie condizioni fisiologiche e delle loro implicazioni in una vasta gamma di malattie. 

Cosa sono i radicali liberi

I radicali liberi, sia le specie reattive dell’ossigeno (ROS) sia le specie reattive dell’azoto (RNS), derivano sia da fonti endogene (mitocondri, perossisomi, reticolo endoplasmatico, cellule fagocitiche ecc.) 

Esistono i radicali derivanti da fonti esogene (inquinamento, alcol, fumo di tabacco, metalli pesanti, metalli di transizione, solventi industriali, pesticidi, alcuni farmaci come alotano, paracetamolo e radiazioni). 

Che ruolo hanno i radicali liberi

I radicali liberi possono influenzare negativamente varie importanti classi di molecole biologiche come acidi nucleici, lipidi e proteine, alterando così il normale stato redox portando ad un aumento dello stress ossidativo. 

Lo stress ossidativo indotto dai radicali liberi è spesso direttamente coinvolto in diverse patologie come diabete mellito, disturbi neurodegenerativi (morbo di Parkinson-PD, morbo di Alzheimer-AD e sclerosi multipla-SM), malattie cardiovascolari (aterosclerosi e ipertensione), malattie respiratorie (asma), sviluppo di cataratta, artrite reumatoide e in vari tumori (tumori del colon-retto, della prostata, della mammella, del polmone, della vescica). 

Questa recensione si occupa di chimica, formazione e fonti e bersagli molecolari dei radicali liberi e fornisce una breve panoramica sulla patogenesi di varie condizioni di malattia causate da ROS / RNS.

Cosa sono gli antiossidanti

Gli antiossidanti sono molecole che possono interagire in modo sicuro con i radicali liberi e terminare la reazione a catena prima che le molecole vitali vengano danneggiate. 

Sebbene ci siano diversi sistemi enzimatici all’interno del corpo che disarmano i radicali liberi, i principali antiossidanti sono la vitamina E, il beta-carotene, la vitamina C e il selenio.

Quando questi antiossidanti neutralizzano i radicali liberi donando una particella elettronica, generano a livello fisico una necessità. 

Gli antiossidanti ora mancano di un elettrone e sono diventati essi stessi i radicali liberi. 

Il corpo non può produrre questi antiossidanti, quindi devono essere forniti nella dieta.

La ricerca supporta l’uso di antiossidanti?

In teoria, gli antiossidanti hanno il potenziale per migliorare o prevenire una serie di malattie croniche. 

Ma usarli non significa che risolveranno i tuoi problemi di salute. 

Finora la ricerca non ha offerto molto supporto per l’assunzione di vitamina C, vitamina E o beta-carotene per fornire protezione contro le malattie cardiache, il cancro o altre condizioni croniche.

Radicali liberi e gli antiossidanti

Malattia cardiaca / ictus

Diversi studi non hanno mostrato differenze nei principali eventi cardiovascolari e nel cancro quando i pazienti assumevano vitamina E o un placebo. 

Solo 1 studio in Israele ha mostrato una marcata riduzione della malattia coronarica tra le persone con diabete di tipo 2.

Uno studio sul beta-carotene ha dimostrato che l’antiossidante non ha fornito protezione contro le malattie cardiache o l’ictus. 

Uno studio sugli integratori vitaminici e minerali (vitamina C, vitamina E, beta-carotene, selenio e zinco) non ha mostrato alcuna riduzione dei tassi complessivi di malattie cardiovascolari.

Cancro

Sfortunatamente, sono stati condotti pochi studi abbastanza a lungo da mostrare un beneficio nei malati di cancro. 

Diversi studi sul beta-carotene non hanno mostrato alcun beneficio sul cancro. 

Uno studio sull’uso del selenio ha mostrato una riduzione del rischio di cancro e mortalità per tutte le cause tra gli uomini, ma nessun beneficio apparente per le donne.

Malattia degli occhi

L’unico punto positivo per le vitamine antiossidanti è una sperimentazione in cui i pazienti che assumono vitamina C, beta-carotene e zinco hanno ricevuto una certa protezione dagli antiossidanti contro lo sviluppo della degenerazione maculare avanzata correlata all’età, ma non la cataratta.

Conclusioni

I radicali liberi (ROS / RNS) sono prodotti dal normale metabolismo e sono coinvolti in varie condizioni fisiologiche e patologiche. 

Quando c’è uno squilibrio tra antiossidanti e ossidanti, i radicali della carica si accumulano portando a un danno vigoroso a macromolecole come acidi nucleici, proteine e lipidi. 

Ciò porta a danni ai tessuti in varie condizioni di malattia come diabete mellito, malattie neurodegenerative, cancro, malattie cardiovascolari, cataratta, artrite reumatoide, asma ecc. 

E quindi accelerando gravemente la progressione della malattia.

Ad oggi, gli studi randomizzati e controllati con placebo sono nella migliore delle ipotesi inconcludenti, ma generalmente non forniscono prove evidenti che gli integratori antiossidanti abbiano un impatto sostanziale su malattie come eventi cardiovascolari e cancro. 

Ma gli antiossidanti continuano ad essere aggiunti ai cereali per la colazione, barrette energetiche, bibite, bevande sportive e altri alimenti trasformati. 

Spesso i reclami hanno allungato e distorto i dati. 

Sembra che gli antiossidanti non siano la soluzione magica che a volte sono ipotizzati essere.

 

Related posts

  • Crossfit: Cos'è e quali sono i benefici

    Lo sport Crossfit è un particolare sistema di fitness basato su una serie di movimenti funzionali, che traggono cioè ispirazione dai movimenti naturali generalmente eseguiti dagli individui nella propria quotidianità...

Aggiungi indirizzo