Benessere

Malattie autoimmuni, l’allenamento serve?

Malattie autoimmuni, l’allenamento serve? Dolore cronico alle articolazioni o ai muscoli, estrema stanchezza, difficoltà a dormire, debolezza, nausea, mal di testa, depressione: sono tutti sintomi che possono verificarsi se si vive con un disturbo autoimmune.

Malattie autoimmuni: patologia significato

Le patologie autoimmuni insorgono quando il sistema immunitario del corpo, che ha lo scopo di proteggerti da malattie e infezioni, attacca erroneamente le cellule sane come se stessero invadendo virus o batteri. 

Ma le più comuni malattie autoimmuni quali sono?

Le malattie autoimmuni comprendono l’artrite, la colite ulcerosa, la malattia di Crohn, la malattia di Graves, il lupus, la sindrome di Sjögren e la sclerosi multipla. 

Alcune altre malattie che colpiscono comunemente le donne come la fibromialgia e la sindrome da affaticamento cronico (sebbene non classificate come malattie autoimmuni) presentano sintomi simili tra cui affaticamento e dolore cronico.

Malattie autimmuni sintomi

Molte persone con una malattia autoimmune attraversano periodi di assenza di sintomi e quindi manifestano improvvisamente sintomi gravi chiamati razzi. 

Spesso lo stress contribuisce a un imminente periodo di flare. 

È comprensibile che quando non ti senti bene, puoi – come fanno molte persone – evitare l’esercizio in quanto è difficile trovare la motivazione e l’energia per essere attivi.

Detto questo, per molte persone con disturbi autoimmuni un esercizio moderato, a basso impatto e l’attività fisica possono essere di enorme beneficio per la loro qualità di vita. 

Mantenersi attivi è particolarmente importante quando si è autoimmuni per diversi motivi: 

  • l’esercizio fisico aumenta l’energia fisica; 
  • la produzione di endorfine è un antidolorifico naturale; 
  • l’esercizio fisico può aiutare a ridurre l’infiammazione in tutto il corpo; 
  • e l’esercizio fisico aiuta anche a combattere la depressione e l’ansia che spesso accompagnano questo tipo di malattia.

Consigli per l’esercizio in caso di malattia autoimmune

1. Segui i tuoi ritmi, scopri cosa funziona per te

L’esperienza di tutti sui sintomi della malattia autoimmune non è la stessa. 

Inizia lentamente con i tuoi allenamenti e raggiungi quelli più impegnativi. 

Alcuni giorni saranno più difficili di altri, regola di conseguenza il tuo allenamento. 

Se ti manca un giorno a causa di un malessere accentuato, non ti abbattere per questo, assicurati di tornare in palestra prima possibile.

2. Avere buoni sistemi di supporto 

Parla con i tuoi operatori sanitari dei tuoi piani di esercizio fisico e ottieni il loro contributo. 

Prendi un appuntamento in palestra per avere una valutazione della forma fisica con un personal trainer. 

È compito del tuo allenatore creare un piano di allenamento che si adatti alle tue capacità e ti aiuti a raggiungere i tuoi obiettivi di fitness. 

Potresti anche trovare divertente e motivante avere un compagno di fitness diverso dal tuo allenatore, qualcuno con cui puoi frequentare le lezioni di gruppo o anche solo per una sessione di allenamento cardio o fare alcuni pesi insieme.

Le malattie autoimmuni e l'allenamento

3. Scegli esercizi a basso impatto 

Le attività a basso impatto sono più facili per articolazioni, schiena e ginocchia. 

Prendi in considerazione esercizi come camminare sul tapis roulant, yoga, pilates, allenamento con i pesi, allenamento a circuito a basso impatto e nuoto. 

Aggiungi cardio e aerobica che si adattano ai tuoi livelli di abilità come canottaggio, cyclette o ciclismo all’aperto, step climbing, ellittica e danza.

4. Tieni un diario delle tue attività quotidiane, incluso quando ti alleni, le attività che hai fatto e ciò che hai mangiato 

Se ti senti eccessivamente sollecitato, probabilmente vedrai che inizieranno ad emergere degli schemi quando avrai una maggiore / minima quantità di energia. 

Tienine conto e regola di conseguenza la tua routine.

5. Pianifica bene 

Se hai un disturbo autoimmune attivo hai solo così tanta energia da spendere in un giorno, devi pianificare il tuo tempo ed energia come se fossero soldi. 

Non prolungare te stesso o pianificare troppe attività o appuntamenti per un giorno. 

Dai la priorità alle attività di auto-cura, come l’esercizio fisico e altre cose che ti fanno sentire bene.

6. Dai al tuo corpo il carburante di cui ha bisogno per avere successo – considera una dieta anti-infiammatoria

Molti disturbi autoimmuni creano infiammazione nel corpo, che porta a dolori muscolari e articolari, nonché affaticamento. 

Consulta un nutrizionista per vedere se ci sono cambiamenti nella dieta che puoi fare per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di fitness.

In generale, ti consigliamo di mangiare molta frutta e verdura fresca, bere abbastanza acqua fresca e aggiungere acidi grassi essenziali Omega 3 alla tua dieta. 

Probabilmente dovresti evitare: lattosio, carne rossa, farina bianca, zucchero trasformato, cibi fritti e alcool – tutti fattori che possono portare a un aumento dell’infiammazione.

Personal Trainer Roma

Related posts

Aggiungi indirizzo