Allenamento

Regressione e sovrallenamento. Overtraining e overreaching

Regressione, sovrallenamento. Overtraining e overreaching. Probabilmente ci è capitato di imbatterci in questa terminologia ma forse non ne afferriamo pienamente il significato.

Cosa si intende quando si parla di regressione, sovrallenamento, overtraining, overreaching?

Quali sono i sintomi del sovrallenamento, il cpk alto ha delle conseguenze, quali sono i rimedi del sovrallenamento?

Stai lottando con la routine dell’allenamento e ti senti un po’ stanco e annoiato?

Hai la sensazione che i tuoi muscoli siano persistentemente pesanti, rigidi, un po’ doloranti e il tuo programma di allenamento abbia smesso di essere piacevole. 

Overtraining e overreaching

La regressione è suddivisa in stati funzionali e non funzionali, entrambi i quali rispondono al riposo extra. 

La regressione non funzionale porta ad un periodo più esteso di riduzione delle prestazioni rispetto al superamento funzionale ed è accompagnata da sintomi neuroendocrini e/o psicologici. 

Il sovrallenamento è considerato un carico eccessivo non funzionale che provoca un decremento prestazionale prolungato (> 2 mesi) e sintomi più gravi.

Un condizionamento efficace richiede un equilibrio tra intense sessioni di allenamento e periodi di riposo/recupero. Un sovraccarico eccessivo e/o un recupero insufficiente possono causare sintomi sia fisiologici che psicologici che limitano le prestazioni e possono essere un grosso ostacolo ad un’attività precedentemente piacevole, come il tuo allenamento. 

In molti atleti non professionisti, la condizione è spesso il risultato di un riposo/recupero inadeguato a causa di un’attività lavorativa intensa, della famiglia, di fattori di stress per la salute, del saltare i pasti e del sonno scarso.

L’esercizio fisico può diventare avvincente a causa degli effetti delle endorfine, della dopamina e di altri fattori generati dall’esercizio sul cervello. 

Questa dipendenza può facilmente comportare sessioni di allenamento intense e frequenti che non sono intervallate da adeguati periodi di recupero. 

Questo fenomeno, specialmente se combinato con la crescente popolarità di intense competizioni di resistenza multi-evento e intensi programmi di allenamento di gruppo, espone gli individui a un rischio maggiore di sviluppare uno stato non funzionale e, nei casi più gravi, la sindrome da sovrallenamento.

Sollevamento pesi

Sovrallenamento sintomi

Più di 125 segni e sintomi sono stati identificati nella letteratura pubblicata, rendendo difficile una diagnosi definitiva. 

I sintomi più comuni includono:

• Muscoli pesanti, rigidi e dolenti.

• Affaticamento persistente, sensazione di svuotamento.

• Diminuzione delle prestazioni e capacità di mantenere il regime di allenamento.

• Maggiore sensibilità a infezioni, raffreddori, mal di testa.

• Lesioni fastidiose e piuttosto croniche.

• Disturbi del sonno.

• Diminuzione della concentrazione mentale e irrequietezza.

• Maggiore irritabilità.

• Depressione.

• Tachicardia e, in alcuni casi, bradicardia.

• Perdita di appetito e perdita di peso.

• Il movimento intestinale cambia.

• Assenza di mestruazioni.

Sovrallenamento rimedi

Il trattamento primario è il riposo e, con i casi più gravi, una pausa prolungata dall’allenamento. Una migliore qualità del sonno, un’alimentazione e un’idratazione adeguate sono essenziali per il pieno recupero. 

In alcuni casi, il medico può scegliere di escludere altre potenziali cause organiche correlate a una varietà di malattie e condizioni di salute.

La prevenzione del overtraining e overreaching non funzionali è fondamentale per il continuo godimento e beneficio del programma di allenamento. 

Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti chiave:

• Ascolta il tuo corpo e prenditi un tempo di recupero extra come indicato.

• Seguire la regola del 10%; non aumentare il volume e/o l’intensità dell’allenamento di oltre il 10% alla volta.

• Segui un formato di periodizzazione; periodi intermedi di allenamento intenso/ad alta intensità con periodi prolungati di riposo/recupero e/o allenamento incrociato.

• Il recupero/riposo tra allenamenti intensi è fondamentale perché contribuisce alla riparazione e la crescita dei tessuti muscolari; di solito dalle 24 alle 72 ore a seconda dell’intensità e del volume della sessione.

• Non dovresti sentirti “distrutto” dopo un duro allenamento; dovresti sentire di poter fare di più; in caso contrario, stai facendo troppo.

• Una corretta alimentazione e idratazione sono importanti; consultare un dietologo sportivo può essere utile.

• Il sonno di qualità è essenziale.

• La varietà nella tua formazione è salutare; non fare sempre la stessa cosa.

Mantenere un registro di allenamento può essere utile per identificare i periodi di superamento e la necessità di un recupero extra. 

Includi variabili come la frequenza cardiaca a riposo, il sonno, il peso (per la perdita di peso), l’umore, l’intensità/durata dell’allenamento e la risposta di muscoli e articolazioni. 

Con un adeguato recupero e utilizzando un piano di periodizzazione per il tuo allenamento a lungo termine, sarai in grado di ridurre al minimo il rischio di overtraining e mantenere il tuo esercizio e le tue competizioni divertenti e piacevoli.

 

Related posts

  • 4 errori da non commettere nello squat

    Ricorda, nello squat glutei e spalle devono muoversi in linea. Ogni squat che fai deve essere un movimento fluido in cui le spalle e le anche procedano insieme. Se non ci riesci, rallenta il ritmo del tuo squat.

  • Uscire a divertirsi la sera o allenarsi la mattina presto?

    Certamente ci sono pro e contro delle uscite la sera, ma certamente andare a letto tardi quando hai programmato un allenamento mattutino il giorno seguente non dal al tuo fisico la possibilità di riposare sufficientemente e di avere la giusta forza durante l’allenamento.

Aggiungi indirizzo