Benessere, Nutrizione

La giusta alimentazione nell’attività fisica

L'alimentazione corretta nello sport
L’alimentazione corretta nello sport

Una forma fisica eccellente è sempre supportata da un’alimentazione gestita in modo attento. L’unico vero “segreto” per una dieta efficace è l’equilibrio: l’apporto energetico deve essere coerente con quanto richiesto dal proprio organismo, sulla base della propria attività sportiva o lavorativa, e nessun tipo di nutriente deve essere escluso del tutto.

Nessuna fiducia, quindi, nei confronti delle diete troppo violente, che promettono risultati fulminei e benessere immediato, senza però specificare gli enormi pericoli per la salute a cui si potrebbe andare incontro con regimi alimentari eccessivamente restrittivi.

Pollice in giù anche per i presunti alimenti rivoluzionari, spesso indicati con nomi accattivanti e parvenze esotiche, protagonisti di consigli sull’alimentazione dalla dubbia provenienza. Le tabelle nutrizionali su cui si basano le osservazioni scientifiche parlano chiaro: per uno sportivo, a patto che l’attività fisica rientri nella media per intensità e quantità, il fabbisogno giornaliero è composto per la maggior parte da carboidrati, circa il 55-60%.

Questi sono di fondamentale importanza per l’apporto energetico nella propria alimentazione, e per la maggior parte devono essere zuccheri complessi (pasta, pane e riso), in grado di rilasciare energia a lungo termine.

Una minima parte deve consistere in zuccheri semplici, come quelli della frutta e della marmellata, capaci di essere metabolizzati dall’organismo in modo rapido.

Seguono i lipidi, con il 25-30%, anch’essi fonte di energia e presenti in grande quantità nell’olio usato per i condimenti. Infine, con una percentuale che si aggira intorno al 15%, le proteine rivestono un ruolo di fondamentale importanza per la salute dei tessuti affaticati, e solo marginalmente energetico.

alimentazione-attivita-fisica2Queste, nella buona alimentazione ordinaria, devono essere di origine animale (caratterizzate da una dotazione in amminoacidi completa) e vegetale, più “pulite” e leggere ma con alcuni amminoacidi assenti (quindi necessitano di essere assunte con abbinamenti consapevoli). Il benessere garantito da una buona nutrizione è alla portata di tutti, e questi sono gli unici suggerimenti davvero efficaci a cui qualsiasi sportivo dovrebbe affidarsi.

Mettere in pratica i consigli sull’alimentazione appena descritti, inoltre, è piacevole e appagante. Provare per credere!

Se vuoi dei consigli più specifici per un buon allenamento e alimentazione contattami per una prova gratuita di personal trainer e per una consulenza

Post Correlati

  • Crossfit: Cos'è e quali sono i benefici

    Lo sport Crossfit è un particolare sistema di fitness basato su una serie di movimenti funzionali, che traggono cioè ispirazione dai movimenti naturali generalmente eseguiti dagli individui nella propria quotidianità...

  • Salmone, tonno e sgombro, scopriamoli

    In realtà, l'American Heart Association raccomanda effettivamente di includere almeno due porzioni di pesce grasso nella dieta settimanale per contribuire a migliorare la salute del cuore. Come il salmone, il tonno e l'aringa in termini di nutrizione anche lo sgombro è un tipo di pesce super-nutriente che è praticamente pieno di proteine, acidi grassi omega-3 e micronutrienti.

Lascia un commento

Aggiungi indirizzo