Benessere, Osteopatia

Dolori agli arti: articolazione della spalla e dell’anca

Alcune riflessioni sulle articolazioni.

Ci sono gesti che facciamo ogni giorno in modo naturale, automatico, senza pensarci: allacciarci le scarpe, salire le scale, aprire un barattolo, guidare. In Italia ci sono 5 milioni di persone che hanno problemi seri alle articolazioni, per le quali questi stessi gesti comportano sforzi, sofferenza e un’enorme cautela nel farlo.

L’articolazione è il punto in cui si incontrano due ossa e la sua funzione principale è garantire il movimento.

 

Cenni articolazioni.

L‘articolazione della spalla o scapolo omerale è la più mobile del corpo umano perché è costituita da tre ossa (clavicola, scapola e omero) che hanno la possibilità di un ampio movimento.

articolazione della spalla

Troviamo inoltre una serie di legamenti, muscoli e tendini che li uniscono.

L’articolazione della spalla permette all’arto superiore di compiere tutti quegli atti fondamentali per la vita dell’individuo e il controllo e l’uso della mano.

L’articolazione dell’anca, detta anche coxofemorale è la più grande dell’individuo ed è fondamentale per la struttura, il movimento e la stabilità del nostro corpo.

La coxefemorale nasce dell’unione di due parte ossee, ossia la testa del femore, di forma sferica e l’acetabolo, un incavo costituito dall’aggregazione di tre ossa piatte. L’acetabolo è la parte fissa dell’articolazione, mentre la testa del femore la parte mobile.

Le malattie reumatiche limitano il movimento.

A causa delle malattie reumatiche, in particolare di quelle che causano dolori articolari diffusi, i movimenti possono risultare molto compromessi, a volte anche in maniera definitiva. Le articolazioni sofferenti rendono la vita difficile e ne abbassano la qualità.

Alcuni ricercatori hanno scoperto che alcuni micro-nutrienti speciali possono rimettere in forma le articolazioni affaticate e farle muovere di nuovo liberamente. Per fortuna solo una parte di coloro che ne sono colpiti lamenta problemi così seri.

articolazione anca

Ciò non toglie che, anche quando non provocano conseguenze tanto gravi queste patologie rappresentano un’ importante causa di sofferenza e d’inabilità .

Negli ultimi anni, tuttavia, è stato almeno possibile capire meglio i meccanismi responsabili della comparsa dei danni articolari.

Si sa, per esempio, che qualunque sia la causa che innesca il processo, il primo passo è l’infiammazione progressiva della membrana sinoviale.

A livello dell’articolazione, i fenomeni che si osservano inizialmente sono un ispessimento della membrana sinoviale e la comparsa di irregolarità sulla superficie della cartilagine articolare. La membrana sinoviale, a lungo andare, cambia le proprie caratteristiche fino a trasformarsi nel cosiddetto panno sinoviale.

La cartilagine viene danneggiata dal panno sinoviale. Le articolazioni colpite si presentano in genere tumefatte, arrossate, calde e dolenti. Il dolore è presente non solo durante il movimento, ma anche a riposo e di notte. Gli antinfiammatori e gli anti dolorifici danno una mano nella cura dell’infiammazione articolare.

La ginnastica aiuta.

In questi ultimi anni, si è riconosciuto il ruolo preponderante della ginnastica nella terapia dell’infiammazione dell’articolazioni.

Studi effettuati su pazienti con infiammazione articolare hanno dimostrato come l’esercizio fisico consenta non solo di migliorare la limitazione funzionale ma anche di diminuire il dolore e l’uso di farmaci antidolorifici.dolore ancaNaturalmente, hanno un peso notevole anche una dieta equilibrata, i massaggi e le cure termali.

Nell’approccio educativo è fondamentale stimolare il paziente ad apprendere le modalità più corrette di posizionamento del corpo poiché esso ha molta importanza sulle articolazioni.

Una corretta posizione ne permette un uso più efficiente conservando l’energia e riducendo lo sforzo nello svolgimento dei compiti quotidiani.

Per una consulenza gratuita contattami.

Commenti

commenti

Post Correlati

  • L'aria condizionata fa bene?

    Quindi se riusciamo a gestire la sensazione di caldo o di freddo per un una settimana o due, il nostro corpo riuscirà ad adattarsi a temperature che all'inizio ci sembravano poco piacevoli.

  • Osteopatia in gravidanza

    L’osteopatia in gravidanza non presenta controindicazioni se praticata in modo corretto ed equilibrato.

Lascia un commento